AMMONIO

Nel sangue si trova normalmente una piccola quantità di ioni ammonio ( NH4+) corrispondente a 40-80 цg/dl. L’ammonio deriva in parte dal catabolismo degli amminoacidi e, per una quota maggiore, dall’assorbimento intestinale. L’intestino ne è la sede più importante di produzione ed infatti nel sangue portale la sua concentrazione è assai più elevata che nel circolo generale. L’ammonio che si trova nell’intestino deriva prevalentemente dagli alimenti o perché vi è presente come tale (formaggi, carne) o per azione di enzimi batterici sui prodotti della digestione. Inoltre, circa il 25% dell’urea formata dall’organismo diffonde dal sangue nell’intestino e, nel lume intestinale, viene idrolizzata a CO2 e NH3 che è riassorbita e torna al fegato (circolo entero-epatico dell’urea) mentre con le feci vengono eliminate solo tracce di ammonio. L’ammoniaca ha un’elevata tossicità per il SNC e per impedirne l’accumulo nel sangue viene in parte trasformata in urea a livello epatico e in parte unita all’acido glutammico con formazione di glutammina.

Ammonio

La sintesi di glutammina avviene principalmente a livello del cervello che contiene un elevato contenuto in glutammina sintetasi, enzima che catalizza tale sintesi. L’aumento dell’ammonio nel sangue è dovuto quasi esclusivamente ad affezioni epatiche e in questo consiste l’interesse clinico della sua determinazione. Gli ioni ammonio, come detto in precedenza, assorbiti dalla mucosa intestinale passano nel sangue portale: a livello del fegato l’ammonio viene trasformato in urea e solo una piccola quantità, sfuggendo a tale sintesi, passa nel circolo generale. Quando esiste una stasi portale, come nella cirrosi epatica, parte del sangue portale viene deviato nella circolazione generale non venendo quindi depurato nel fegato: una delle più gravi conseguenze di questa situazione è l’aumento dell’ammoniemia. Oltre che per tale meccanismo l’aumento dell’ammoniemia può essere dovuto anche alla diminuita capacità delle cellule epatiche di sintetizzare l’urea per cui gli ioni NH4+ non vengono completamente utilizzati e restano in circolo.